sabato, 18 novembre 2017 [1] Mappa del sito [2] Stile pagine [3] Pagine visitate
05/05/2017

RACCONTI PER IMMAGINI
Mostra di Marino Pizzigoni

RACCONTI PER IMMAGINI

Tempere, oli e disegni di

MARINO PIZZIGONI
Dal 6 al 25 maggio 2017

Inaugurazione Sabato 6 maggio ore 18.00
immagine di un quadro di pizzigoni

in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura

 

Biblioteca di Inveruno
Sala F. Virga – Largo Pertini, 2

La mostra tenuta nel marzo scorso, ha proposto in Santa Maria in Braida, una scelta selezione di tempere e oli di Marino Pizzigoni. Già nella testimonianza, con cui l’autore stesso ha introdotto il catalogo, traspare una sorta di dicotomia fra l’oggettività del reportage e l’eco di sensazioni figurali e cromatiche che premono sulla retina a perpetuare il ricordo. Il lungo itinerario a tappe, dal 1979 al 2009, che Pizzigoni racconta per parole e immagini è un viaggio in quell’Oriente ancora per noi ammantato di mistero.  Aduso per professione, architetto e urbanista, ad affrontare questioni sociali, oltre che estetiche, di quest’Oriente contemporaneo, coglie, da attento cronista, la vita più quotidiana in perpetua contraddizione nel coesistere di antichi retaggi e smanie occidentaliste. Così, la fascinazione silente e iniziatica del santuario si oppone alla convulsa strada cittadina, popolata d’insegne e motorini, a loro volta eredi della bicicletta. Ma dalla realtà emerge e si isola l’emozione del pittore: “i paesaggi mozzafiato dell’Indonesia”, “il cielo azzurro di Pechino”, le sponde laccate di rosso del ponte di Hanoi... La dinamica delle “scene” metropolitane sembra bloccarsi in immobilismo senza tempo nei paesaggi d’acqua, dove il colore, più morbido nella tempera o più traslucido nell’olio, si attenua sfumando, l’orizzonte si allontana e perde, e il grafismo (forse per osmosi) ricorda le immaginifiche vedute dell’arte cino-giapponese. Dall’intero percorso espositivo si ricava la sensazione di un interiore colloquio col visibilie, per restituirlo in atmosfera prima che in figura, e la dimensione ridotta delle opere si rivela valore aggiunto, quasi trattarsi di “cartoline”, nel senso nobile di messaggio, della memoria.
“Itinerari in estremo oriente” di Donatella Tronelli, pubblicato su “La città possibile” - n. 21

immagine quadro pizzigoni 2
Marino Pizzigoni si laurea in architettura al Politecnico di Milano con Lodovico Meneghetti. Ha studiato con importanti insegnanti, fra i quali Bottoni, Canella, Rossi. Russoli, Portoghesi, Eco, per citarne alcuni.


Viaggiando si esercita soprattutto la curiosità. Poi, riflettendo e studiando, si può approfondire il senso delle cose conosciute e delle intuizioni che esse hanno stimolato. […]Ma tutto ciò non rappresen¬ta solo un fatto emotivo…….L’emozione non diminuisce mentre si cerca di “leggere” ciò che si guarda. Anzi si fa più ampia e profonda.
Perché ognuno può […] costruire la propria geografia cioè l’incontro unico e non ripetibile che ognuno ha con il reale.

(Pianeta Blu, paesaggi e atmosfere nel mondo / Giacomo Corna-Pellegrini / Edizioni Unicopli, 1995. Tratto dalla postfazione di Guglielmo Scaramellini, pag. 303)




marinopizzigoni@gmail.com
www.marinopizzigoni.com
La mostra è visitabile negli orari di apertura della Biblioteca
[torna in alto]