domenica, 19 novembre 2017 [1] Mappa del sito [2] Stile pagine [3] Pagine visitate
27/09/2015

Cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria al Professor Umberto Veronesi


Il giorno 27 settembre 2015 il Sindaco Sara Bettinelli ha conferito la Cittadinanza Onoraria, la più alta onorificenza cittadina, al Professor Umberto Veronesi.
Umberto Veronesi è Uomo di Scienza, Uomo di Cultura, Uomo dall’alto Senso Civico, è Uomo con una vita piena e dura come lui stesso la definisce.
Una vita che lo ha messo spesso a tu per tu con il dolore, la sofferenza, la morte: gli anni nella cascina nella campagna lombarda, come racconta in alcune sue interviste, dove c’era miseria e d’inverno si aspettava lo scaldino sotto le lenzuola per infilarcisi dentro.
Poi gli anni della scuola, nota dolente del Veronesi bambino: per chi viveva di campi, era una ladra di forza lavoro, da lì poca convinzione e anche due bocciature.
Il periodo fascista, la retata tedesca del ’43 fino al piede appoggiato su una mina che lo tenne sei mesi in ospedale, innescando in lui la voglia di indossare il camice.
La fine della guerra e gli studi di medicina iniziati con la volontà di fare psicologia per capire l’origine del Male. Poi, invece, la folgorazione, come la definisce il Professore stesso.
Dovendo fare un anno di pratica in ospedale, scelse quello più vicino a casa, l’Istituto dei tumori.
Parole del Professore: "Varcata la soglia, ho incontrato dolore e soprattutto rassegnazione: non potevo accettarlo e da lì è partita la mia battaglia contro il cancro, con i miei insegnanti del tempo a dirmi che stavo buttando al vento una carriera di prestigio".
La voglia di soccorrere i malati ‘spacciati’, il lavoro al buio, la medicina scientifica e lo studio del tumore al seno fino a dimostrare
che la mastectomia non è l’unica soluzione, con la sua ricerca di fatto incoronata dal New York Times: è il 1981.

La capacità di portar avanti con coerenza e impegno battaglie ‘rivoluzionarie’, il mettere in luce l’importanza della componente culturale e psicologica nella lotta al cancro o lo speciale rapporto costruito con il mondo femminile.
Tutto questo operando con grande modernità ed entusiasmo per le innovazioni.

Del Professor Umberto Veronesi apprezziamo, oltre alla straordinaria capacità di ricerca e di organizzazione, anche l’impegno in prima persona con cui ci offre da anni stimoli per un’acuta e sincera riflessione civile dandoci spunti per un confronto serio su tematiche molto importanti per la nostra vita quotidiana.


Di seguito le motivazioni ufficiali del conferimento della Cittadinanza Onoraria:


Il Professor Umberto Veronesi è uno scienziato di fama internazionale.
Con il suo quotidiano impegno ha permesso l'avverarsi di decisivi progressi nella lotta al cancro e nella ricerca oncologica diventandone uno dei maggiori esperti mondiali.
Ha promosso studi scientifico-clinici e iniziative culturali di grande rilievo civile, umano e sociale.

La sua attività scientifica ha rilevante valore sociale e culturale.
Ha ricoperto incarichi quali la partecipazione alla fondazione dell'Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, la fondazione e la direzione scientifica dell'Istituto Europeo di Oncologia e l'istituzione della Fondazione Umberto Veronesi con passione e dedizione.
Ha assunto incarichi istituzionali quali quelli di Senatore della Repubblica e Ministro della Sanità con serietà e responsabilità.

Ad Inveruno, in villa Verganti Veronesi, il Professor Veronesi ha trovato rifugio durante la Seconda Guerra Mondiale, quando, a seguito dei bombardamenti di Milano, ha dovuto abbandonare la propria abitazione.
Ha trovato nelle atrocità della Guerra la motivazione per dedicare la propria vita alla cura dei mali che attanagliano l'umanità trovando poi nella lotta al cancro la sua ragione di vita.

Per una vita intera il Professor Veronesi ha creduto in maniera profonda nella possibilità della scienza di cambiare in meglio la vita degli individui.

Con la sua opera è un esempio ed un modello per le nuove generazioni di cittadini.

È per la comunità di Inveruno tutta un immenso onore essere stata ed essere tutt'ora parte della vita di una così importante personalità internazionalmente riconosciuta.

[torna in alto]